Banda larga e digital divide, Vinti: “Umbria non è fanalino di coda”

L’assessore regionale alle infrastrutture tecnologiche immateriali fornisce un quadro aggiornato del territorio umbro

Banda larga e digital divide, Vinti: “Umbria non è fanalino di coda”

L’Italian Digital Agenda Annual Forum svoltosi lo scorso 11 aprile ha raccolto voci di aziende e pubblici amministratori, che hanno tracciato un ritratto ancora allarmante circa lo sviluppo della banda larga nel territorio italiano (leggi articolo Key4Biz )

A fronte di un 10% di ritardo rispetto a Francia e Germania,  Stefano Vinti evidenzia l’importanza dell’innovazione per superare la crisi portando l’esempio dell’Umbria, regione di cui è assessore alle infrastrutture tecnologiche: “ Tenendo conto delle dimensioni e dell’esiguità delle risorse, l’Umbria non è assolutamente il fanalino di coda. È passata dal 18% della popolazione non connessa del 2009 ad una situazione attuale (fine 2011) del 3% di abitanti in divario digitale in virtù sia dell’azione degli investimenti che dell’attività degli operatori privati”.

Ed aggiunge: “Si sta facendo insomma un lavoro importante e nei prossimi mesi si darà piena attuazione al piano digitale regionale messo a punto dalla Giunta regionale.“

Read more…

©Broadband4Italy 2013