Banda larga: Italia al 29esimo posto nell’indice ITU

Nella classifica che misura il livello di accesso, utilizzo e competenze ICT, la Corea del Sud precede Svezia, Danimarca e Islanda

Banda larga: Italia al 29esimo posto nell’indice ITU

Il settore ICT è diventato un importante artefice della crescita economica: nel 2010, l’esportazione di beni ICT ha rappresentato il 12% del commercio mondiale, il 20% nei paesi in via di sviluppo. 2,3 miliardi di persone, più di un terzo della popolazione mondiale, sono connesse a internet, in aumento rispetto allo scorso anno dell’11%, mentre il numero di connessioni mobili è cresciuto lo scorso anno di 600 milioni, per raggiungere quota 6 miliardi, ossia l’86% della popolazione.

Questi alcuni dei dati contenuti nell’ultimo rapporto ITUMeasuring the Information Society”, secondo cui i ricavi generati dai servizi di telecomunicazione hanno raggiunto nel 2010 quota 1,5 trilioni di dollari, pari al 2,4% del PIL mondiale. Nello stesso anno, gli investimenti (in termini di spesa capitale) nelle telecomunicazioni si sono attestati a 241 miliardi, o il 2% del totale degli investimenti lordi a livello mondiale.

Secondo la classifica redatta dall’ITU – basata sull’indice IDI (ICT Development Index) che misura il livello di accesso, utilizzo e competenze ICT – l’economia più avanzata è la Corea del Sud seguita da Svezia, Danimarca, Islanda e Finlandia. L’Italia si colloca al 29esimo posto (in calo di una posizione rispetto allo scorso anno).

Dal report emerge che il calo dei prezzi è stato particolarmente significativo (-75%) nella banda larga fissa: a fine 2011 un terzo (600 milioni) delle famiglie recensite nel mondo disponeva di un accesso a internet. Gli abbonati alla banda larga mobile hanno invece doppiato quelli della banda larga fissa, con un incremento significativo dell’adozione nei paesi in via di sviluppo: nell’ultimo anno, la crescita dei servizi a banda larga mobile si è attestata al 40% globalmente: solo la Cina conta 1 miliardo di utenti e l’India raggiungerà questa soglia a breve.

Leggi l’articolo su Key4biz

©Broadband4Italy 2013